Dollar is what I need 💰💳

🎧 💵💳

Un nuovo studio mette in relazione ricchezza e felicità è rivela la soglia alla quale si è soddisfatti, superata la quale non lo si è più.

💰

I soldi fanno la felicità, lo dice la scienza.

Ma solo fino a un certo punto. Superata una soglia, definita da un gruppo di studiosi, la vita non appare più così rosea.

Era uscita qualche tempo fa la notizia di due ricercatori della Princeton University, fra cui un premio Nobel, che avevano scoperto quanto denaro serviva ad avere una vita felice, fissando la soglia ideale intorno ai 70.000 dollari L’ anno. Ma questo valeva solo per gli Stati Uniti.

Un nuovo studio geolocalizza tale soglia, individuando una topologia della felicità monetaria. E lancia un monito: è stato scoperto che, superata quella soglia, il livello di soddisfazione, in realtà, diminuisce.

Quanti soldi ci vogliono per essere felici?

La ricerca sulla felicità, che espande la precedente, ha distinto due tipi di felicità: “life satisfaction”, ovvero il giudizio sulla propria vita, ed “emotional well-being”, un benessere emotivo più duraturo. Spiega il dottorando della Purdue University Andrew T. Jebb: “Abbiamo scoperto che il reddito ideale è di 95.000 dollari per la valutazione della propria vita e di 60-70.000 dollari per il benessere emotivo.

Questa somma vale per gli individui e probabilmente sarebbe più alta per le famiglie”.

Le soglie, più alte di quelle indicate dal precedente studio, sono una media globale ottenuta attingendo ai dati al Gallup World Poll, un sondaggio che copre un campione rappresentativo di 1,7 milioni di persone da 164 Paesi diversi. Le stime si rifanno anche al potere d’acquisto

delle persone nel proprio Stato.

La scoperta più interessante è probabilmente che superato il tetto indicato, il livello di felicità e soddisfazione generale dell’individuo diminuisce. La ragione potrebbe essere che chi guadagna tanto è più portato a valutare il successo in denaro, e anche un piccolo declino può avvicinare il suo livello a chi guadagna di meno, “forse a causa dei costi che arrivano con le maggiori entrate”.

Jebb ha poi specificato che questi risultati si riferiscono a questioni più ampie: “I soldi sono solo una parte di ciò che ci rende davvero felici, e stiamo imparando sempre di più sui limiti del denaro”.

Per quanto riguarda l’Europa dell’Ovest, di cui fa parte l’Italia, la soglia di reddito a cui si è felici è leggermente superiore alla media, ovvero a 100.000 dollari. Specificamente per l’Italia, un altro studio invece ha scoperto che le donne hanno un punteggio molto significativamente più basso degli uomini nella life satisfaction, e che questa, per tutti, diminuisce con l’età.

🇺🇸 The dollar is what I need

A new study relates, it is outdated

💰

Money makes happiness, science says it.

But only up to a certain point. Having crossed a threshold, created by a group of scholars, life no longer appears so rosy.

It came out some time ago at Princeton University, including a Nobel laureate, who discovered how much money was needed to have a happy life, setting the ideal threshold at around 70,000 tickets a year. But this only applied to the United States.

A new study geolocates threshold narrative, identifying a topology of monetary happiness. And he warns: it has been discovered that, beyond that threshold, the level of satisfaction actually diminishes.

How much money does it take to be happy?

The research on happiness, which spreads the previous one, has distinguished two types of happiness: “satisfaction of life”, that is the judgment on one’s life, and “emotional well-being”, a more lasting emotional well-being. Purdue University student Andrew T. Jebb explains: “We have found that the ideal income is 95,000 for the evaluation of one’s life and 60-70,000 for emotional well-being.

This sum is for individuals and probably would be higher for families “.

The thresholds, higher than those indicated by the previous study, are a global average drawing on data from the Gallup World Survey, a survey that covers a representative sample of 1.7 million people from 164 different countries. The estimates also refer to purchasing power

of people in their own state.

The most interesting discovery has been said, the level of happiness and general satisfaction of the individual decreases. The reason could be one more success, one and another decline may be the best level, “perhaps a cause of the costs that come with the most revenue”.

Jebb then specified that this is a broader question: “Money is only part of what makes us really happy, and we are learning more and more about the limits of money”.

As for Western Europe, of which Italy is a part, the income limit of which it is happy is slightly above the average, or 100,000. Specifically for Italy, another study said that women score much lower than men in life satisfaction, and that this, for everyone, decreases with age.

Pubblicato da Dinah

Silly me

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: